Presentazione

Presentazione

La manovra finanziaria 2011 bis (art. 3 D.L. n. 138/11, convertito nella L. 148/2011, dall’art. 10 della L. 183/2011 c.d. Legge di Stabilità) approvata in via definitiva il 14/09/2011, apporta molte novità per i professionisti. Il titolo II della manovra (Liberalizzazioni, privatizzazioni ed altre misure per favorire lo sviluppo),  Articolo 3, quinto comma, lettera (b), sancisce infatti l’obbligo per tutti i professionisti di seguire percorsi di formazione continua permanente.

In passato, la formazione era intesa come percorso di acquisizione conoscitiva che terminava con l’ingresso nell’attività lavorativa e rispetto a questa si concepiva il mantenimento come una forma di aggiornamento delle competenze acquisite. Oggi l’aggiornamento viene inteso non solo come mantenimento di conoscenze già acquisite, ma bensì come processo culturale di miglioramento, perfezionamento e crescita professionale. 

Il Regolamento per la Formazione Continua elaborato dal Consiglio dell’Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale si inserisce e segue questa prospettiva.

La formazione continua riveste infatti un ruolo fondamentale per l’esercizio dell’attività; non soltanto perché è un obbligo professionale sancito dalla legge, la cui inosservanza è sanzionabile (codice deontologico - Art. 1 lettera d), ma piuttosto perché consente di mantenere una preparazione costante ed aggiornata ed un elevato profilo qualitativo delle proprie prestazioni.

La formazione deve essere quindi intesa come processo grazie al quale è possibile raggiungere gli obiettivi prefissati.

Formare non significa fornire semplicemente una serie di nozioni, ma significa creare un progetto a lungo termine che rinforzi le conoscenze e le competenze tecniche degli iscritti.